Caparra confirmatoria, penitenziale, acconti • Il Blog Immobiliare

Caparra confirmatoria, penitenziale, acconti

In questa sezione trovi tutte le domande a cui abbiamo dato risposta inerenti la caparra confirmatoria, penitenziale e acconti nelle compravendite immobiliari.

Sfrutta l’indice qui sotto per trovare la risposta alla tua domanda specifica.

Se non trovi quello che stai cercando puoi sempre sottoporre la tua richiesta Fai la tua domanda gratuitamente cliccando qui!. Ti risponderemo gratuitamente e inseriremo la risposta sul sito, in modo che possa essere utile anche a tutti gli altri utenti.

Indice delle domande

  1. Domande generali
  2. Caparra e costruttori

1.1 Quanto va dato di caparra per acquistare casa?

E’ un accordo fra le parti: l’acquirente e il compratore.

Più la somma è alta e più esprime interesse e lega le parti nell’accordo.

Qui entra in gioco anche la “prassi”, ovvero quanto è la caparra che usualmente viene data per acquistare una casa. Ti posso dire che durante la mia esperienza la media si attesta intorno al 10% del prezzo pattuito, ma ho visto veramente gli accordi più disparati riguardo a questo punto.

Ipoteticamente si potrebbe dare anche tutto l’importo pattuito come caparra e non pagare niente alla stipula del rogito notarile.

Ma se non c’è una regola scritta e si tratta di un accordo fra le parti la prossima domanda che sicuramente ti salta in mente è: posso acquistare (o vendere) anche senza caparra?

Ebbene la risposta è si, se il venditore è d’accordo potete anche fare un preliminare d’acquisto senza conferire nessuna caparra.

Attenzione invece alla situazione opposta! Se la caparra fosse troppo alta, in giurisprudenza potrebbe venir riconosciuta come acconto sul prezzo, questo porterebbe a conseguenze dal punto di vista legale e fiscale.

1.2 Qual’è la differenza fra acconto e caparra?

differenza fra caparra e acconto

Nel settore immobiliare, come in tutti gli altri settori, caparra e acconto hanno due significati giuridici e fiscali completamente diversi, che portano a conseguenze completamente diverse.

La caparra, nel diritto civile è una somma di denaro o altre cose fungibili versata a titolo di reciproca e mutuale garanzia, contro l’inadempimento nel contratto oppure come corrispettivo in caso di recesso dal contratto

La sua funzione è di prevedere un risarcimento immediato in caso di inadempienza contrattuale, altrimenti

deve essere restituita o imputata alla prestazione dovuta in caso di adempimento.

Un altra distinzione da fare è tra caparra confirmatoria e caparra penitenziale.

L’acconto, invece, ha il solo scopo di anticipo sul prezzo e perde lo scopo di garanzia. Un semplice pagamento parziale del prezzo concordato e come tale è soggetto a iva, Secondo quanto è previsto nel co. 4 dell’art. 6 del D.P.R. 633/1972.

Se, per qualsiasi motivo la compravendita non dovesse andare in porto, l’acconto va sempre restituito.

L’argomento sarebbe veramente ampio, impossibile da trattare in una singola risposta, spero però di aver fatto sufficiente chiarezza riguardo la differenza.

2. Do’ un anticipo per l’acquisto di una casa in “fase di costruzione”. Il costruttore dichiara fallimento e non porta a termine la costruzione. perdo i miei soldi?

No. Per legge (la 122/2005) il costruttore è obbligato a fornire una fideiussione per gli anticipi che incassa.

Se il costruttore fallisce la fideiussione le garantisce di non perdere denaro.

costruzione in corso

Inoltre con un aggiornamento del 16/3/2019 è stato stabilito che la fideiussione non ha una scadenza, ma termina una volta stipulato l’atto definitivo.

Devo avvertirla però che le variabili sono molte, queste sono indicazioni generali che potrebbero non applicarsi al suo caso specifico.

Se vuoi avere informazioni in più ti consiglio di leggere questo articolo, dove trovi veramente tutto quello che ti serve spiegato in modo semplice.

Jacopo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto