Casa disabitata: Come utilizzarla • Il Blog Immobiliare

Casa disabitata: Come utilizzarla

In un articolo della stampa del 5 settembre 2017 si legge che in italia ci sono circa 7 milioni di abitazione vuote (sfitte). Una casa su 5 è disabitata. Come sfruttare questo patrimonio immobiliare?

Questo fenomeno colpisce maggiormente le regioni a forte vocazione turistica con seconde case e nelle zone interne del sud italia, dove lo spopolamento è stato più pesante.

mappa delle case disabitate in italia
Le case non occupate sul territorio italiano in ogni regione (LA STAMPA)

Gli italiani hanno quindi un bel patrimonio immobiliare per così dire… Fermo!

Come sfruttare una casa vuota?

Quanto costa tenere un immobile vuoto?

Una proprietà immobiliare, anche se non utilizzata, continua a produrre dei costi.

Quanti e quali sono?

Tari per una casa disabitata

La TARI è la tassa che paghiamo per il servizio di raccolta e smistamento rifiuti.

Questa tassa è composta da due parti:

  • Una fissa per la sussistenza del servizio stesso
  • Una variabile in base alla quantità di rifiuti effettivamente prodotti.

Si possono quindi avere delle riduzioni a seconda del nucleo familiare, dell’utilizzo saltuario o stagionale.

Cosa diversa, invece, è l’ottenimento della totale esenzione.

L’esenzione completa dalla TARI si può ottenere solamente nel caso in cui l’inagibilità dell’immobile sia oggettiva ed appurata:

  • Case non provviste o scollegate dalla rete elettrica, idrica e fognaria
  • Case inabitabili o inagibili per altri motivi.

Quindi, a meno che la tua casa inutilizzata non rientri in questi casi, dovrai pagare la TARI.

IMU per un immobile vuoto

L’IMU va pagata, anche per una casa disabitata… A meno che l’immobile non sia inabitabile, in questo caso si può ottenere una detrazione del 50% su questa imposta.

Ci sono poi una serie di categorie di persone e situazioni in cui si ha esenzione completa dall’imu:

  • le unità immobiliari adibite ad abitazione principale di soci assegnatari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa;
  • gli alloggi classificati come sociali ai sensi del decreto del 22 aprile 2008 del Ministero delle infrastrutture;
  • la casa coniugale assegnata al coniuge dal provvedimento del giudice in caso di separazione o divorzio;
  • una unità immobiliare in possesso del personale di servizio permanente delle Forze armate o della Polizia, dei Vigili del Fuoco e del personale della carriera prefettizia non concesso in locazione;
  • una sola unità immobiliare di proprietà di un cittadino italiano residente all’estero e iscritto all’AIRE solo se già pensionato nel Paese dove risiede e se l’immobile non risulta né locato né utilizzato per un comodato d’uso.

TASI per una casa abbandonata

La TASI è la tassa sui servizi indivisibili (come ad esempio le strade).

Puoi avere una detrazione pari al 50% del dovuto nel caso il tuo immobile sia inabitabile o inagibile.

Spese condominiali per un immobile non abitato

Le spese condominiali vanno comunque pagate anche se l’appartamento non risulta abitato.

Se nelle spese condominiali sono inclusi i costi variabili relativi alle utenze domestiche, queste saranno ridotte (solitamente) nel seguente modo:

  • Nel caso di riscaldamento centralizzato dovrai pagare solo la quota fissa relativa all’impianto e non, ovviamente, le spese relative al consumo (che dovrebbero essere zero).
  • Nel caso dell’acqua condominiale dipende se è presente un contatore o meno. Se il contatore non è stato installato pagherai la quota relativa ad una sola persona (solitamente).
case vuote a lucca
La Toscana non è fra le regioni con più immobili vuoti, ma anche in questa regione la percentuale non è trascurabile. In questa immagine sto valutando un immobile inutilizzato a Lucca.

Vendere un casa vuota

La vendita, nel caso di un immobile inutilizzato è la soluzione più immediata che consente di eliminare alla base il problema e rendere fruttifero il capitale altrimenti inutilizzato.

Ecco i vantaggi che avrai vendendo la tua casa disabitata:

  1. Rendere disponibile il tuo capitale altrimenti “immobilizzato” nella tua proprietà immobiliare.
  2. Azzeramento dei costi connessi alla casa vuota (vedi paragrafo precedente)
  3. Azzeramento dei problemi, rischi e perdite di tempo che derivano dal voler affittare la proprietà
  4. Nessun investimento necessario

Con il ricavo della vendita potrai poi decidere di investire in altri progetti o assett, oppure avere semplicemente una maggiore sicurezza economica.

Se hai bisogno di un consiglio per la vendita della tua casa invia la tua richiesta qui. Tranquillo, non costa niente!

Come vendere una casa disabitata?

La prima cosa è sempre quella di partire da una corretta valutazione di mercato.

Ti consiglio di rivolgerti ad un professionista.

Potrebbe essere interessante capire quanto potresti ricavare ristrutturando la tua casa abbandonata.

Valuta se possa essere più conveniente vendere la casa così com’è oppure investire in una ristrutturazione per ricavare un prezzo più alto.

Richiedi una stima del tuo immobile gratuitamente online cliccando qui.

Una presentazione efficace è fondamentale!

Se la casa che vorresti vendere è inutilizzata da tempo potrebbe avere qualche problema di “immagine”.

Intendo dire che potrebbe essere un po’ polverosa e bisognosa di qualche ristrutturazione.

In questo caso non per forza devi investire soldi in una ristrutturazione.

E’ possibile valorizzare il tuo immobile anche sfruttando le tecnologie digitali, grazie ai rendering virtuali.

Sono delle immagini digitali in 3D che presentano la tua casa come se fosse ristrutturata, con la possibilità di fare anche una presentazione prima-dopo che è molto efficace sui potenziali acquirenti.

Rendering virtuale per vendere meglio un immobile
Un rendering virtuale con effetto “prima-dopo”

Puoi anche abbinare ai rendering il capitolato e il prezzario basati sui lavori necessari per ottenere l’effetto mostrato nelle immagini.

Con questa tecnica l’acquirente potrà immaginarsi la sua nuova casa completamente ristrutturata e avere già indicazioni sulle spese necessarie!

Ti piacerebbe avere una presentazione di questo tipo per la tua casa ?lascia la tua richiesta qui per avere tutte le informazioni.

Affittare una casa inutilizzata

Un’altra possibilità è quella di dare la tua proprietà immobiliare in locazione.

Potrebbe essere una buona scelta per:

  • Mantenere il patrimonio immobiliare
  • Avere dei ricavi in attesa di tempi migliori per vendere
  • Crearti un reddito aggiuntivo

L’affitto può essere un’ottima opportunità, ma presenta anche dei rischi:

  • Gli inquilini smettono di pagare
  • Danni all’appartamento o a terzi da parte degli inquilini
  • Problemi per inquilini molesti

Il consiglio è di scegliere bene chi dovrà entrare nella nostra casa, controllare buste paga e garanzie che il futuro inquilino ha e magari referenze.

Una possibile garanzia è quella derivante da fideiussioni o assicurazioni a favore del proprietario di casa, nel caso di danni o mancati pagamenti.

Se vuoi capire come poter affittare la tua casa (e a quanto) invia la tua richiesta qui!

Affitto a breve termine di una casa disabitata

Potresti anche valutare di affittare a breve termine il tuo immobile. Ci sono due rami principali in questo tipo di locazioni.

  • Affitto a studenti o lavoratori fuori sede. In questo caso la locazione è protratta per alcuni mesi almeno e non necessita di una gestione particolarmente impegnativa.
  • Affitto turistico. Con questa modalità si parli di periodi di locazione da qualche giorno a qualche settimana e la gestione può essere molto impegnativa.

Se vuoi indirizzarti verso questo tipo di affitto ti consiglio di scegliere un’agenzia che gestisca in toto la tua proprietà: dal check in al cambio della biancheria, dalle richieste dei clienti alla pulizia.

Ristrutturare una casa vuota o disabitata

Casa inutilizzata da comprare e ristrutturare
Gli immobili da ristrutturare possono nascondere grandi opportunità, come questo immobile vuoto e da ristrutturare a Pescia (PT)

Se vuoi ricavare una rendita dal tuo immobile inutilizzato potresti aver bisogno di ristrutturarlo.

Spesso una proprietà non vissuta e poco curata potrebbe necessitare di una ristrutturazione per essere appetibile sul mercato degli affitti o per essere trasformata in affitta-camere, B&B o qualsiasi altra attività.

La ristrutturazione edilizia è una fase molto delicata, i rischi maggiori sono:

  • Contenzioso con la ditta edile
  • Ritardi nell’ultimazione dei lavori
  • Mancato rispetto del budget previsto

Se stai ristrutturando una casa disabitata, lo stai probabilmente facendo per avere una rendita dalla tua proprietà, per questo motivo mi sento di darti 2 indicazioni generali riguardanti i due errori più comuni che le persone fanno nel ristrutturare un immobile “da investimento”.

  1. Non ristrutturare secondo i tuoi gusti, segui quelli del mercato! Spesso quando ristrutturi una casa tendi a farlo seguendo i tuoi gusti, ed è un errore. Informati sulle tendenze del momento e su cosa piace al tuo target (le persone che dovranno affittare la casa); ad esempio studenti, turisti o famiglie. Potresti anche valutare di affidarti ad un architetto o designer che ti aiuti a fare le giuste scelte estetiche nella ristrutturazione e nell’arredamento.
  2. Non puntare alla qualità massima e alle spese troppo alte. Ricorda che la casa non sarà destinata ad essere abitata da te… Non tutte le persone sono precise o ordinate, potrebbero sporcare o addirittura danneggiare le finiture e gli arredi. Scegli quindi uno stile piacevole e accattivante per trovare dei buoni inquilini, ma occhio a non salire troppo con le spese!

Se vuoi capire quanto potrebbe costarti una ristrutturazione e tutte le agevolazioni che puoi ottenere clicca qui per avere chiarimenti!

Facci sapere se hai apprezzato questo articolo con un mi piace! 🙂

Jacopo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto